Questo guanto hi-tech può diagnosticare il morbo di Parkinson anni prima che compaia la malattia.

Guanto_hi_tech

Guanto_hi_tech

Questo guanto hi-tech può diagnosticare il morbo di Parkinson anni prima che compaia la malattia.

Sempre più passi avanti si fanno nel campo della salute anche grazie all’intelligenza artificiale. E’ il caso di questo nuovo guanto hi-tech che si è mostrato in grado di riconoscere i primi segnali di Parkinson molti anni prima della comparsa della vera e propria malattia. Una scoperta tutta italiana.

Si tratta di un tecnologia che non è per nulla invasiva e che in futuro potrà essere estremamente utile ad individuare con largo anticipo la presenza di morbo di Parkinson con tutti i vantaggi che una diagnosi assai precoce offre, primo fra tutti la possibilità di iniziare subito una terapia.

Il guanto hi-tech, chiamato SensHand, è nato in Italia da un gruppo di ricerca dell’Istituto di Biorobotica della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa coordinato dal professor Filippo Cavallo il cui studio è stato condotto presso l’Ospedale delle Apuane di Massa e Carrara.

Il dispositivo si è mostrato in grado di misurare e analizzare i movimenti delle mani e delle braccia in modo da individuare i primi segnali della presenza della malattia che, come sappiamo, sono tremori, movimenti lenti e rigidità muscolari. Inizialmente tutti questi sintomi sono impercettibili ma non per il guanto hi-tech che può essere indossato appunto per individuarli con largo anticipo rispetto alla comparsa della malattia.

Questo guanto hi-tech può diagnosticare il morbo di Parkinson anni prima che compaia la malattia.ultima modifica: 2019-03-08T11:45:33+01:00da tonyym
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento